.Fondi Interprofessionali - CSA Training

Centro Servizi  & FormazioneAmbientale& Bandi& Consulenza& Sicurezza& OpportunitàAziendali

Vai ai contenuti

.Fondi Interprofessionali

Opportunità/Bandi
               Formazione a  costo zero   (sfruttando il contributo obbligatorio)
Non sprecare la quota dello  0,30%  dei contributi versati all’Inps , ma destinalo
alla formazione gratuita per la tua azienda  a  fondo perduto  e formare-in modo completamente gratuito-i propri dipendenti.

L’adesione a un fondo non comporta alcuna spesa per le imprese.

Tutti i mesi, con il pagamento dei contributi obbligatori, le aziende versano una quota - corrispondente allo 0,30%  della retribuzione dei lavoratori - all'INPS

come "contributo obbligatorio.

Scegliere a chi destinare lo "0,30%", se all'INPS oppure ai Fondi Interprofessionali.

Se si fa questa seconda scelta, senza nessun onere aggiuntivo e senza nessun vincolo è possibile richiedere di ricevere - in cambio - il Tuo Piano Formativo.

Modulo Richiesta

Richiedo informazioni sui Fondi Interprofessionali per quanto sotto descritto.
Richiesta Attività Formativa Fondi interprofessionali per quanto sotto descritto.




Tip

- Voucher Detto Fatto FonarCom.
- Attività Formativa FONARCOM.
- Contributo Aggiuntivo FONDIMPRESA
- Attività Formativa FONDIMPRESA
- Attività Formativa FONDITALIA


 La CSA Training ricevendo la Sua cortese richiesta, la contatterà nell'arco delle prossime 24 ore.
 Cordiali Saluti, Segreteria amministrativa.

Cosa  offre la  CSA Training?     

Istruzione della pratica, presentazione della domanda, gestione finanziamento ,ec;

Aiuteremo l'impresa a scegliere  le migliori  opportunità con i propri fabbisogni;
Siamo sempre disponibili a rispondere a domande e fornire risposte alle diverse e specifiche problematiche; Disponiamo  oltre che di formazione in aula - anche di percorsi di formazione in modalità e-learning .

Cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali?  
Per Fondi Paritetici Interprofessionali bisogna intendere quello strumento, creato dalla legge n°388/2000, che consente la formazione professionale continua dei dipendenti delle aziende: un’ azienda può scegliere
di destinare una quota pari allo 0,30% dei contributi previdenziali che versa all’ INPS per finanziarie iniziative pubbliche di formazione e aggiornamento dei lavoratori a cui poi far accedere i propri dipendenti; ovviamente esistono Fondi Paritetici Interprofessionali per diverse attività professionali a cui un’ azienda può far riferimento, proprio in base al proprio settore di competenza.

Sono le stesse rappresentanze delle parti sociali che promuovono i Fondi Paritetici Interprofessionali, tramite degli specifici accordi e protocolli interconfederali stipulati tra i sindacati dei lavoratori e quelli dei datori di lavoro più importanti a livello nazionale e coordinati dall’ amministrazione statale e da quelle locali.
Aderendo ad un Fondo e finanziandolo, un’ azienda avrà accesso ad attività formative per i propri dipendenti: sono gli stessi Fondi che stabiliscono con precisione, attraverso avvisi e bandi pubblici, le modalità di adesione; l’ amministrazione di un Fondo Paritetico Interprofessionale organizza piani formativi territoriali, aziendali o settoriali: le imprese possono accedervi in forma associativa oppure singolarmente, in base al tipo di attività proposta.
Grazie alla legge n°289/02, che ha riformato in parte la regolamentazione dei Fondi Paritetici Interpersonali, ora vi è anche la possibilità per le aziende di finanziare attività e piani formativi a livello individuale.

                         IL CODICE CHE IDENTIFICA      "          ".

Anche il gettito prodotto dal versamento da parte dell’impresa dello 0.30% maturato sul monte stipendi delle figure  dirigenziali può essere dirottato sul Fondo.
PROCEDURA PER CONTROLLO ADESIONI AI FONDI INTERPROFESSIONALI
1. COLLEGARSI AL SITO DELL’INPS;    
2. INSERIRE MATRICOLA CONSULENTE DEL LAVORO;
3. CASSETTO PREVIDENZIALE;                4. INSERIRE MATRICOLA AZIENDA;
5. DATI COMPLEMENTARI;                        6. FONDI INTERPROFESSIONALI.
A)   Se dalla procedura di controllo non comparirà alcun codice:
con il primo UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento "Fondointerprof",opzione "Adesione", va selezionato il codice " ..... " .

In questo modo, si indica la propria volontà di dirottare il contributo  dello 0,30%.
B)   Se dalla procedura di controllo verrà visualizzato un codice diverso di quello che si vuole Aderire:
con il primo UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento "Fondointerprof", opzione "Revoca", va inserito il codice REVO (che si riferisce agli operai, impiegati e quadri) e, contestualmente il codice "    " ( se l'azienda ha più matricole INPS va effettuata per ogni una ).

In questo modo, si indica la propria volontà di dirottare il contributo dello 0,30% .
C)   Se dalla procedura di controllo verranno visualizzati due codici, uno relativo ai dipendenti  l’altro relativo ai dirigenti della stessa azienda diverso:
con il primo UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento "Fondointerprof", opzione "Revoca", va inserito il codice REVO (che si riferisce agli operai, impiegati e quadri)  e REDI  (solo nel caso in cui l’azienda occupi dirigenti) dopodiché, va selezionato contestualmente il codice "          " ( se l'azienda ha più matricole INPS va effettuata per ogni una di loro).

In questo modo, si indica la propria volontà di dirottare il contributo dello 0,30% .
Mod. AF43 Incarico Adesione Fondo
Delega Adesione Fondo
Torna ai contenuti