Fondi Interprofessionali - CSA Training

Associazione Formatori/DocentiEsperti TecniciOperatori della Sicurezza sul LavoroAziende

Vai ai contenuti

Fondi Interprofessionali

Opportunità/Bandi
               Formazione a  costo zero   (sfruttando il contributo obbligatorio)
Non sprecare la quota dello  0,30%  dei contributi versati all’Inps , ma destinalo
alla formazione gratuita per la tua azienda  a  fondo perduto  e formare-in modo completamente gratuito-i
propri dipendenti.

L’adesione a un fondo non comporta alcuna spesa per le imprese.

Tutti i mesi, con il pagamento dei contributi obbligatori, le aziende versano una quota - corrispondente allo 0,30%

della retribuzione dei lavoratori - all'INPS

come "contributo obbligatorio.

Scegliere a chi destinare lo "0,30%", se all'INPS oppure ai Fondi Interprofessionali.

Se si fa questa seconda scelta, senza nessun onere aggiuntivo e senza nessun vincolo è possibile richiedere di ricevere - in cambio - il Tuo Piano Formativo.

Aiuteremo l'impresa a scegliere  le migliori  opportunità con i propri fabbisogni;

Cosa sono i Fondi Paritetici Interprofessionali?  

Per Fondi Paritetici Interprofessionali bisogna intendere quello strumento, creato dalla legge n°388/2000, che consente la formazione professionale continua

dei dipendenti delle aziende: un’ azienda può scegliere di destinare una quota pari allo 0,30% dei contributi previdenziali che versa all’ INPS per finanziarie iniziative pubbliche di formazione e aggiornamento dei lavoratori a cui poi far accedere i propri dipendenti; ovviamente esistono Fondi Paritetici Interprofessionali per diverse attività professionali a cui un’ azienda può far riferimento, proprio in base al proprio settore di competenza.

Sono le stesse rappresentanze delle parti sociali che promuovono i Fondi Paritetici Interprofessionali, tramite degli specifici accordi e protocolli interconfederali stipulati tra i sindacati dei lavoratori e quelli dei datori di lavoro più importanti a livello nazionale e coordinati dall’ amministrazione statale e da quelle locali.
Aderendo ad un Fondo e finanziandolo, un’ azienda avrà accesso ad attività formative per i propri dipendenti: sono gli stessi Fondi che stabiliscono con precisione, attraverso avvisi e bandi pubblici, le modalità di adesione; l’ amministrazione di un Fondo Paritetico Interprofessionale organizza piani formativi territoriali, aziendali o settoriali: le imprese possono accedervi in forma associativa oppure singolarmente, in base al tipo di attività proposta.
Grazie alla legge n°289/02, che ha riformato in parte la regolamentazione dei Fondi Paritetici Interpersonali, ora vi è anche la possibilità per le aziende di finanziare attività e piani formativi a livello individuale.

                         IL CODICE CHE IDENTIFICA      "          ".

Anche il gettito prodotto dal versamento da parte dell’impresa dello 0.30% maturato sul monte stipendi delle figure  dirigenziali può essere dirottato sul Fondo.
PROCEDURA PER CONTROLLO ADESIONI AI FONDI INTERPROFESSIONALI
1. COLLEGARSI AL SITO DELL’INPS;    
2. INSERIRE MATRICOLA CONSULENTE DEL LAVORO;
3. CASSETTO PREVIDENZIALE;                4. INSERIRE MATRICOLA AZIENDA;
5. DATI COMPLEMENTARI;                        6. FONDI INTERPROFESSIONALI.
A)   Se dalla procedura di controllo non comparirà alcun codice:
con il primo UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento "Fondointerprof",opzione "Adesione", va selezionato il codice " ..... " .

In questo modo, si indica la propria volontà di dirottare il contributo  dello 0,30%.
B)   Se dalla procedura di controllo verrà visualizzato un codice diverso di quello che si vuole Aderire:
con il primo UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento "Fondointerprof", opzione "Revoca", va inserito il codice REVO (che si riferisce agli operai, impiegati e quadri) e, contestualmente il codice "    " ( se l'azienda ha più matricole INPS va effettuata per ogni una ).

In questo modo, si indica la propria volontà di dirottare il contributo dello 0,30% .
C)   Se dalla procedura di controllo verranno visualizzati due codici, uno relativo ai dipendenti  l’altro relativo ai dirigenti della stessa azienda diverso:
con il primo UNIEMENS aggregato, all’interno dell’elemento "Fondointerprof", opzione "Revoca", va inserito il codice REVO (che si riferisce agli operai, impiegati e quadri)  e REDI  (solo nel caso in cui l’azienda occupi dirigenti) dopodiché, va selezionato contestualmente il codice "          "
( se l'azienda ha più matricole INPS va effettuata per ogni una di loro).

In questo modo, si indica la propria volontà di dirottare il contributo dello 0,30% .
Delega Adesione Fondo
Mod. AF43 Incarico Adesione Fondo
  • . . . Ass. CSA Training                                                                                                                                                                                       segreteria:   Torrenova (ME)     Tel.: +39    0941526117

                                                                                                                                                                                                                                                        Roma (RM)    Tel.:  +39   06 21119743
Copyright 2014 CSA Training.it                                 e-mail:  info@csatraining.it       csatraining.info@gmail.com    www.csatraining.it                                                                                                       Port.le: +39   3312799467

Torna ai contenuti