.Il GREEN PASS - Associazione CSA Training

Associazione Formatori/DocentiEsperti TecniciOperatori della Sicurezza sul LavoroAziende

Vai ai contenuti

.Il GREEN PASS

R. Biologico Covid-19
 QUANDO IL GREEN PASS È OBBLIGATORIO, LE REGOLE Dal 6 agosto 2021
      il green pass diventa obbligatorio per accedere alle seguenti attività:
                                                                                                      per assistenza contatta la ns. segreteria
- servizi di bar e ristorazione per la consumazione al tavolo al chiuso;
- spettacoli aperti al pubblico, eventi e competizioni sportivi;
- musei, altri istituti e luoghi della cultura e mostre;
- piscine, centri natatori, palestre, sport di squadra, centri benessere, anche all’interno di strutture ricettive, limitatamente alle attività al chiuso;
- sagre e fiere, convegni e congressi;
- centri termali, parchi tematici e di divertimento;
- centri culturali, centri sociali e ricreativi, limitatamente alle attività al chiuso e con esclusione dei centri educativi per l’infanzia, i centri estivi e
 le relative attività di ristorazione;
- sale gioco, sale scommesse, sale bingo e casinò;
- concorsi pubblici.

Inoltre il green pass continua a restare obbligatorio in Italia per:
- partecipare alle feste per cerimonie civili e religiose;
- accedere a residenze sanitarie assistenziali o altre strutture;
- spostarsi in entrata e in uscita da territori classificati in “zona rossa” o “zona arancione”.

DOCUMENTAZIONE NECESSARIA PER L’ACCESSO
Per accedere alle attività indicate nel decreto-legge, dal 6 agosto bisogna possedere la seguente documentazione:
- green pass comprovante la somministrazione almeno della prima dose del vaccino Sars-CoV-2 o la guarigione
  dall’infezione da Sars-CoV-2, con validità di 6 mesi;
- risultato negativo di un test molecolare o antigenico rapido per il virus Sars-CoV-2, con validità di 48 ore.

In caso di violazione delle norme sull’obbligo di green pass possono essere inflitte le seguenti sanzioni:
- multa da 400 a 1000 euro, sia a carico dell’esercente che dell’utente;
- chiusura dell’esercizio da 1 a 10 giorni, nel caso di violazioni ripetute per 3 volte in 3 giorni diversi.
Torna ai contenuti