Conosci gli allergeni - CSA Training

Associazione Formatori/DocentiEsperti TecniciOperatori della Sicurezza sul LavoroAziende

Vai ai contenuti

Conosci gli allergeni

Da Sapere
Ama a cu t’ama si vo’ aviri spassu, c’amari a cu nun t’ama è tempu persu.
Ama chi t’ama se vuoi averne diletto, perché amar chi non t’ama è tempo perso.

Cu ‘havi a chi fari cu’ sperti, stassi cu’ l’occhi aperti.
Chi ha a che fare con i furbi, deve stare con gli occhi aperti.

Cosi cuntati, criditini mità, si menu criditi, megghiu faciti.
Credete la metà di quanto vi raccontano, e se ci credete di meno è ancora meglio.

Megghiu cummattiri cu’n brigante e non cu’n ignurante.
Meglio avere a che fare con un brigante che con un ignorante.

Cu `un fa nenti `un sbaglia nenti.
Solo chi non fa niente non commette errori.

Du` su` i putenti, cu avi assà e cu nun avi nenti.
Due sono i potenti, chi ha tanto e chi non ha niente.

Cu campa vecchiu si fa’.
Chi vive diventa vecchio.

Cu’ bedda voli appariri, tanti guai havi a patiri.
Chi bella vuole apparire, tante sofferenze deve subire.

Quannu la lingua voli parrari, divi prima a lu cori dimannari.
Quando la lingua vuole parlare, deve prima chiedere al cuore.

Assai vali e pocu costa a malu parlari bona risposta.
Una buona risposta a cattive parole vale molto e costa poco.

Cu unn’è abituatu a brachi novi, un paru chi n’avi, si caca tuttu.
Chi non è abituato a pantaloni nuovi, appena ne ha un paio se ne vanta esageratamente.

Servu d`autru si fa cu dici lu sigretu chi sa.
Chi racconta i propri segreti si fa servo degli altri.

Fa beni e scordatillu, fa mali e pensaci.
Fai il bene e dimenticalo, fai il male e pensaci.

I spini ne’ carni i lavutri su comu a sita.
Le spine nella pelle degli altri sono come la seta.

Cu pava prima, mangia pisci fitusu.
Chi paga prima, mangia pesce marcio.

Amuri, biddizzi e dinari sunu tri cosi ca nun si ponu ammucciari.
Amore bellezze e denaro sono tre cose che non possono essere nascoste.

A puvirtà unn’ è virgogna, ma mancu preju.
La povertà non è una vergogna, ma neanche pregio.

Cu s’affuca chi sò manu, nun c’è nuddu ca u chianci.
Chi si strozza con le proprie mani, non ha nessuno che lo piange.

Lu pani nun stuffa mai.
Il pane non stanca mai.

Cu accurza allonga e cu allonga accurza.
Chi vuole fare le cose in fretta alla fine perde più tempo.

Cu voli beni, un senti fetu d’agghia.
Chi vuol bene non sente la puzza dell’aglio.

Cu spatti avi a megghiu parti.
Chi divide ha la parte migliore.

Aspittari e nun viniri, jiri a tavula e nun manciari, jiri a lettu e nun durmiri su’ tri peni di muriri.
Aspettare qualcuno che non viene, andare a tavola e non mangiare, andare a letto e non dormire sono tre pene da morire.

U pisci feti ra testa.
Il pesce puzza dalla testa [le colpe sono di chi è al comando].

Megghiu muriri chi mali campari.
Meglio morire che vivere male.

Cummannari è megghiu ri futtiri.
Comandare è meglio di fottere.

Acqua, cunsigghiu e sali a cu n`addumanna `n ci nni dari.
Acqua, consiglio e sale non darne a chi non te ne chiede.

U tempu e a spirienza fannu nasciti a prurienza.
Il tempo e l’esperienza fanno maturare la prudenza.

Cu’n sapi fari un sapi cumannari.
Chi non sa fare non sa comandare.

‘A megghiu parola è chidda ca ‘un si dici.
La miglior parola è quella che non si dice.

C’amici e parenti un accattari e vinniri nenti.
Con amici e parenti non comprare e vendere niente.
Torna ai contenuti