Info-News - CSA Training

Associazione Formatori/DocentiEsperti TecniciOperatori della Sicurezza sul LavoroAziende

Vai ai contenuti

Documenti che l'impresa appaltatrice può...

CSA Training
Pubblicato da in Documenti/Registri · 27 Maggio 2014

Per il rispetto degli adempimenti previsti dal c. 1 dell’art. 26*:
   l’acquisizione del certificato di iscrizione alla camera di commercio, industria e artigianato;
   l’autocertificazione dell’impresa appaltatrice o dei lavoratori autonomi in ordine al possesso dei requisiti di idoneità tecnico professionale.
E il Duvri? Il committente non lo può richiedere alla ditta appaltatrice, “dal momento che la redazione del documento è un obbligo – nei casi previsti – del committente”. Questi può, però, chiedere i documenti e le informazioni necessarie all’elaborazione del Duvri**.
* Il datore di lavoro committente, in caso di affidamento di lavori, servizi e forniture deve verificare (con le modalità previste dall’art. 6, c. 8, lett. g) ma, al momento, non ancora individuate), “… l’idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici (o dei lavoratori autonomi) in relazione ai lavori, ai servizi e alle forniture da affidare in appalto o mediante contratto d’opera o di somministrazione”.
** Se non ricorrono le condizioni per l’elaborazione del Duvri, si deve fare riferimento a quanto contenuto nel c. 2 dell’art. 26 (“…i datori di lavoro, ivi compresi i subappaltatori: a) cooperano all’attuazione delle misure di prevenzione e protezione dai rischi sul lavoro incidenti sull’attività lavorativa oggetto dell’appalto; b) coordinano gli interventi di protezione e prevenzione dai rischi cui sono esposti i lavoratori, informandosi reciprocamente anche al fine di eliminare rischi dovuti alle interferenze tra i lavori delle diverse imprese coinvolte nell’esecuzione dell’opera complessiva”).  
 Specifica Norma




Nessun commento
Torna ai contenuti